MATER STRANGOSCIAS


  • MATER STRANGOSCIAS - -1
sabato 14 aprile | ORE 21:00 VERDELLO - Auditorium F. Abbiati c/o Villa Comunale, piazza A.Moro
ingresso Libero

Mater strangosciàs è l'ultimo dei "Tre lai", i tre monologhi scritti da Giovanni Testori negli ultimi giorni della sua vita. Tre lamenti funebri ispirati a tre straordinarie figure femminili: Cleopatra, Erodiade e La Madonna. Mater strangosciàs è una donna del popolo. La sua terra è la Valassina brianzola. Piange la perdita del figlio e si rivolge a Lui chiedendogli perché gli uomini debbano patire così tanta sofferenza. Gli domanda la ragione, il senso di quel "Sì" che lo ha portato al sacrificio più grande di tutti: la perdita della propria vita. Lo fa in dialetto brianzolo, la lingua della terra sua e dello stesso Testori. Una lingua che il poeta ha reinventato mescolandola con il latino, lo spagnolo, il francese. Mater strangosciàs è l'ultima opera di Testori. È un addio. Una preghiera. Un testamento. Un lascito di speranza. L’attrice Arianna Sconnamegna ha vinto il premio Hystrio all’Interpretazione.

Di Giovanni Testori / Regia di Gigi Dall’Aglio / Con Arianna Scommegna / Alla fisarmonica Giulia Bertasi / una produzione ATIR Teatro Ringhiera

A.T.I.R. Associazione Teatrale Indipendente nasce nel 1996 grazie a sette giovani neo-diplomati della Scuola D’Arte Drammatica Paolo Grassi di Milano. Fin dalla sua fondazione la direzione artistica di ATIR è affidata a Serena Sinigaglia. Il gruppo è nato con l’intento di proporre un teatro sia semplice, diretto, chiaro, energico, privo di ermetismi o retorica; un teatro che sia dentro la realtà, spunto di riflessione dell’oggi: un teatro popolare di qualità per restituire una visione possibile del presente. Negli anni infatti ha ricevuto diversi premi e riconoscimenti.